fare l'amore

LA PENNICHELLA E’ AMICA DELL’AMORE

Qualche minuto di sonno fa bene al sesso, riduce lo stress e apporta molti altri benefici

Chi di noi non è in debito di sonno, faccia uno sbadiglio.

Che sia a causa delle irrinunciabili serie tv, della mole di lavoro, delle incombenze familiari, poco importa: la verità è che non dormiamo quanto dovremmo.

Gli effetti negativi per corpo e mente sono ormai noti a tutti: irritabilità, stress, aumento di peso, scarsa concentrazione…

Ecco perché un piccolo break pomeridiano potrebbe fare miracoli, secondo quanto confermano numerosi studi scientifici.

Bisogna saper distinguere tra riposino e riposino, però: le pennichelle non sono tutte uguali.

Secondo la National Sleep Foundation sono 4 gli scaglioni principali

  1. DA 10 A 20 MINUTI

Questa è la pennichella tradizionale, quella energetica. In questo lasso di tempo corpo e mente si ritemprano, si ricaricano, ma non entrano in piena fase REM. In tal modo il risveglio sarà subitaneo e le pile belle cariche.

2. 30 MINUTI

Ignorare la sveglia posta sui 20 minuti può causare strascichi d’inerzia di oltre 30 minuti dal risveglio, con effetti simili a un post-sbronza.

3. 60 MINUTI

Anche in questo caso il sonnellino troppo prolungato potrebbe farvi rimanere imbambolati a lungo. C’è di buono che 60 minuti sono buoni per memorizzare fatti, facce e nomi della giornata.

4. 90 MINUTI

Un’ora e mezza di pisolino corrisponde ad un vero e proprio ciclo di sonno e in genere al risveglio non si ha la testa appesantita.

 

Qualunque sia la vostra scelta, sappiate che una ricerca greca ha dimostrato che gli uomini che abitualmente fanno dei sonnellini 3 volte a settimana hanno il 37% di possibilità in meno di soffrire di infarto.

Appisolarsi per pochi minuti, inoltre, rende più vigili e reattivi, secondo uno studio della NASA.

E favorisce il ringiovanimento cellulare.

La pennichella abbassa la pressione sanguigna e rilassa, predisponendo alle gioie dell’amore.

Ecco perché bisognerebbe sempre programmare una piccola siesta…

 

 

 

Articolo PrecedenteArticolo Successivo
Condividi: